Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scienze umane

Gli eserciti della campagna italiana di Grecia (1940-1941)

di Phoebus Athanassiou

Libro: Copertina morbida

editore: LEG Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 150

Nell'ottobre del 1940 un esercito italiano forte di 200.000 uomini invase la Grecia dal confine albanese, in un territorio ampio e poco difeso. La Grecia contava però sul sopporto della Gran Bretagna, inizialmente solo con le forze aeree e navali, ma poi anche tramite truppe inviate dall'Africa del Nord. Il comandante greco Papagos era quindi superiore per numero ed equipaggiamento: ebbe dunque agevolmente successo nell'arrestare gli italiani e addirittura riuscì a ricacciarli in Albania e a metterli sulla difensiva. Fu ciò a motivare Hitler a inviare rinforzi agli italiani in difficoltà, rinviando la pianificata invasione dell'Unione Sovietica. Tavole a colori e fotografie rafforzano il testo nella puntuale descrizione delle truppe coinvolte, parte essenziale di questo studio completo su uno dei conflitti dimenticati della Seconda guerra mondiale.
18,00

Marco Bravura. Ardea purpurea. Ediz. italiana, inglese e russa

di BRAVURA

Libro: Copertina rigida

editore: Skira

anno edizione: 2019

pagine: 123

"Il mosaico è una fenice: come l'uccello mitico muore e rinasce costantemente. Carl Gustav Jung le dedica una attenta analisi nel suo testo fondamentale 'Symbole der Wandlung', e spiega la genesi del sogno che è pure la sorgente dell'arte: 'come dice la credenza antica la divinità o il demone parla una lingua simbolica al dormiente e l'interprete deve risolvere l'enigma'. È questa la sfida che Marco Bravura ha raccolto e che ha portato alla massima esaltazione nella realizzazione della grande Fenice posta nella sua Ravenna. Trasformare il mosaico in scultura è di per sé una scommessa: trasfigura una pratica antichissima e la proietta in dimensioni che gli antenati non avrebbero mai osato affrontare." (Philippe Daverio)
30,00

Archeologia invisibile. Catalogo della mostra (Torino, 13 marzo 2019-6 gennaio 2020)

di AAVV

Libro: Copertina morbida

editore: FRANCO COSIMO PANINI

anno edizione: 2019

pagine: 88

Lo scopo dell'allestimento è illustrare principi, strumenti, esempi e risultati della meticolosa opera di ricomposizione di informazioni, dati e nozioni resa oggi possibile dall'applicazione delle scienze alla propria disciplina e, in particolare, allo studio dei reperti. Cos'è in grado di raccontare un oggetto di sé? I nostri sensi ce ne restituiscono informazioni base come l'aspetto, la dimensione, la forma, il colore, finanche le tracce che l'uomo, la natura o il tempo vi hanno impresso. Eppure, tutto ciò non è evidentemente sufficiente a disvelare l'intera storia e il ciclo di vita. L'archeometria - insieme delle tecniche adottate per studiare i materiali, i metodi di produzione e la storia conservativa dei reperti - rende possibile interrogare gli oggetti: grazie alla crescente interazione con le competenze della chimica, della fisica o della radiologia, il patrimonio materiale della collezione del Museo Egizio rivela di sé elementi e notizie altrimenti inaccessibili. Un network di istituzioni da tutto il mondo che, tramite le nuove tecnologie, si pone al servizio del passato per rendere visibile ciò che è invisibile.
18,00

Dizionario dell'esperienza. Vita religiosa individuale e collettiva

Libro: Copertina morbida

editore: JACA BOOK

anno edizione: 2019

pagine: 699

L'esperienza religiosa è all'origine della storia dell'umanità. L'uomo è dalle origini anche Homo religiosus. Creatore di miti e di simboli che lo familiarizzano col sacro, li fa rivivere in riti e in azioni di culto. Tutto questo precede la nascita delle grandi religioni, si incanala poi in ognuna di esse e nelle varie culture, assumendo forme diverse. L'esperienza religiosa è sia della persona, dunque mistica, sia collettiva, quindi pubblica. E esperienza di una tensione e di un legame che l'uomo prova con il mistero, il sacro e il divino. Non esiste cultura che non abbia; sia pure in forme diverse, custodito l'esperienza del sacro che pertiene all'uomo e di cui grandi figure della storia si sono fatte carico per rinnovarla nella loro epoca. esperienza religiosa è a rischio di abusi e sovversioni e richiede continue riforme. Questo volume risponde al progetto di Eliade di trasformare l'Enciclopedia delle Religioni in lingua inglese (da lui realizzata in sedici volumi in ordine alfabetico per una distribuzione nelle biblioteche e negli istituti accademici) in dizionari indipendenti per l'Europa affinché il lavoro potesse essere diffuso anche nelle librerie. In Italia è già uscita una prima versione dell'Enciclopedia in quindici volumi autonomi, cinque metodologici, gli altri riguardanti singole religioni. Il presente "Dizionario dell'Esperienza", a differenza di altri che non erano stati realizzati nella prima riorganizzazione italiana dell'"Enciclopedia" come, quello "dei Simboli, del Mito e degli Dei", era già presente nell'architettura iniziale curata da Dario M. Cosi, Luigi Saibene e Roberto Scagno.
50,00

La mente umana e la mente artificiale

di Ernesto Di Mauro

Libro: Copertina morbida

editore: ASTERIOS

anno edizione: 2019

pagine: 176

Diciamo le cose come stanno: l'Anima è l'uomo, come ha dimostrato Platone. Possiamo oggi accettare ancora questa logica, sostituendo la parola Anima con la parola Mente? Naturalmente cercando di capire cosa questa ultima parola significhi alla luce delle scoperte della neurobiologia, della genetica molecolare e dell'Intelligenza Artificiale. L'IA sta ricostruendo l'Intelligenza umana. Il suo risultato più importante è che l'IA sta svelando a noi stessi i meccanismi della nostra Mente. Quando funziona bene, la Mente è una e indivisa monade. Cerco di illustrare l'idea che la Mente sia la sinestesia di tre processi: Intelligenza, Memoria, Coscienza. Cerchiamo di capirle meglio una per volta separatamente tentando di dare loro un significato preciso facendo corrispondere loro dei fatti. Proviamo a capire fino a che punto esista una corrispondenza di queste parole con la realtà di ciò che è dentro la nostra testa. Intelligenza, Memoria e Coscienza indicano ognuna una rete di funzioni in intima interazione. Il senso di questo discorso è la ricerca dell'armonia unitaria della Mente e l'apprezzamento della sua unicità in tempi di IA. E viceversa cosa manca alla IA per diventare mente?
18,00

La tentazione transumanista

di Franck Damour

Libro: Copertina morbida

editore: ASTERIOS

anno edizione: 2019

pagine: 144

Il termine transumanismo è abbastanza recente. Descrive un certo orientamento nell'ambito del pensiero politico e tecnologico, e allude ad un rapporto non necessariamente conflittuale tra l'uomo e la tecnica. La cosiddetta "realtà aumentata" (augmented) costituisce l'esempio più classico di come la tecnica possa servire all'uomo per potenziare le sue facoltà. Ma anche la medicalizzazione sistematica della nostra società, la rincorsa all'integrazione alimentare, la "non" ineluttabilità della morte, la robotica, l'intelligenza artificiale, i computer quantistici etc. Tutte le recenti acquisizioni tecnologiche, non ultima le applicazioni della genomica, non ci sottraggono tuttavia il sospetto che quella del transumanismo sia per ceri aspetti un'illusione. L'"uomo transumanistico" non rappresenta soltanto un momento della storia contemporanea, ma il tratto distintivo della nostra specie. Al di là degli ottimismi o degli allarmismi (la tecnica ci distruggerà), Franck Damour ci offre uno strumento ideale per orizzontarci in un mondo tanto famigliare (Google ad esempio), quanto nella sua essenza estraneo e sicuramente non finalizzato al miglioramento assoluto dell'umanità.
19,00

Giovanni Gentile. Il filosofo fascista di Mussolini

di Myra E. Moss

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Editore

anno edizione: 2019

pagine: 158

Benché annoverato fra gli autori classici della storia della filosofia, Gentile gode di una complessa e discorde valutazione critica Cagli studiosi. Nel 2004 è apparso a New York un articolo dal titolo "Mussolini's Fascist Philosopher. Giovanni Gentile Reconsidered", che intende promuovere una maggiore diffusione del pensiero del filosofo italiano nella cultura anglosassone che, a causa del regime fascista, ne aveva compromesso la fruizione. Lo sguardo terzo e più distaccato di un'esegeta d'oltreoceano può quindi fare da stimolo a una rilettura approfondita di uno studioso che ha lasciato impronte ancora presenti nel paesaggio intellettuale e sociale del nostro tempo. I percorsi seguiti dall'Autrice mettono a fuoco i temi più centrali dell'attualismo gentiliano: il confronto-scontro filosofico e ideologico con Benedetto Croce, l'analisi delle contraddizioni tra i principi guida della teoresi filosofica di Gentile e la sua adesione, troppo condiscendente, ai dettami del fascismo.
14,00

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica

di Walter Benjamin

Libro: Copertina morbida

editore: DONZELLI

anno edizione: 2019

pagine: 175

Tra il 1935 e il 1940, l'anno della sua morte, Benjamin lavorò a più riprese al suo saggio più importante: "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica". Il saggio s'interroga sul destino dell'arte nel contesto delle trasformazioni radicali indotte dall'invenzione e dalla diffusione di nuovi dispositivi tecnologici quali la fotografia e il cinema. Con somma lucidità Benjamin coglie nel tratto che accomuna queste nuove forme dell'arte (la riproducibilità tecnica capace di annullare la distinzione tra originale e copia) lo sconvolgimento del tradizionale rapporto tra il pubblico e il mondo dell'arte. Soggetti della fruizione estetica, con la diffusione della macchina fotografica e soprattutto con il cinema, non sono più isolati individui che sprofondano nella contemplazione di un quadro o nella lettura di una poesia. Sono, piuttosto, le masse: una folla anonima, abituata tanto ai ritmi convulsi della produzione industriale quanto agli choc subiti nella quotidianità delle moderne metropoli. Ma la profetica analisi di Benjamin si spinge ben oltre l'ambito estetico. Negli stessi anni in cui nazismo e fascismo minacciavano di prevalere e di cancellare la buona tradizione europea, Benjamin vede profilarsi una nuova epoca del rapporto tra arte, tecnica e politica. Un'epoca che non concede spazio a sconsolati rimpianti per il cattivo tempo che fu e che riguarda il nostro stesso presente. Di qui la rinnovata attualità di questo saggio, che costituisce un momento decisivo di quella riflessione sul Moderno che Benjamin avvia nella grande opera, non terminata, sui Passages parigini. Seppur non incompiuto, il saggio sull'opera d'arte si presenta come caratterizzato da una pluralità di stesure e da un'avventurosa vicenda editoriale - ben raccontate nell'Introduzione di Fabrizio Desideri - che ne fanno un lavoro ancora alla ricerca di uno sviluppo teorico e di un'esposizione adeguati alla complessità e profondità della sua intuizione originaria. Appunto allo spirito e alla lettera di tale complessità la presente edizione intende rimanere fedele, offrendo al lettore italiano le cinque stesure del saggio scritte tra l'autunno del 1935 e l'estate del 1936.
20,00

L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica e altri scritti

di Walter Benjamin

Libro: Copertina morbida

editore: SE

anno edizione: 2019

pagine: 117

"'L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica', lungi dall'esaurirsi in una filosofia della crisi, sembra configurarsi come una filosofia dell'avvenire, come un gesto inaugurale che, mettendo dietro di sé un'epoca del mondo, si lancia, con entusiasmo, verso 'l'inconnu' di una rivoluzione tecnologica le cui frontiere restano non facilmente determinabili, ma i cui effetti vanno ben oltre l'analisi delle cause della crisi delle vicende economico-politico-sociali del tempo. Probabilmente, questo testo di Benjamin è quello in cui più apertamente l'angelo della storia che, secondo l'immagine benjaminiana, ha normalmente lo sguardo rivolto verso il passato, gira i propri occhi spalancati verso il futuro, lasciando per un istante l'insieme di macerie a cui il progresso è ridotto se guardato retrospettivamente, per aprirsi invece a una visione abbagliante dell'avvenire, non solo di ciò che è accaduto e sta ancora avvenendo sotto i nostri occhi estraniati, ma anche di ciò che deve ancora manifestarsi del tutto, essendo celato dietro l'orizzonte che si approssima." (Dallo scritto di Federico Ferrari)
19,00

Gianni e Pierino. La scuola di «Lettera a una professoressa»

di GIANNI E PIERINO

Libro: Copertina morbida

editore: C&P Adver Effigi

anno edizione: 2019

pagine: 83

Quando don Milani e i suoi ragazzi scrissero, tra il 1966 e il 1967, "Lettera ad una professoressa" vollero esprimere un severo atto d'accusa alla scuola italiana che faceva fatica a realizzare il diritto di tutti all'istruzione quale fondamentale strumento per compiere l'uguaglianza tra gli esseri umani. Con questa opera collettiva, partendo dalla reale esperienza di Barbiana, vollero anche spiegare i motivi delle loro scelte di studio, il rapporto che esiste tra scuola e realtà lavorativa, gli effetti che la selezione della scuola dell'obbligo provoca sui figli del popolo. Sottolinearono il grande ruolo che l'istruzione ha per l'emancipazione da una realtà di povertà e sfruttamento. Con una scuola che indicasse al ragazzo un valore alto: studiare per uscire insieme dai problemi. Da quella scuola le riflessioni per l'oggi.
12,00

Sturmtruppen. Origini e tattiche

di Bruce I. Gudmundsson

Libro: Copertina morbida

editore: LEG Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 250

"I più tenaci figli della guerra, gli uomini che guidano le truppe d'assalto e manovrano il tank, l'aeroplano e il sottomarino eccellono per le loro abilità tecniche; e sono questi esempi scelti di temerario coraggio a rappresentare il moderno stato della battaglia. Questi uomini di qualità eccezionali, con vero sangue nelle vene, coraggiosi, intelligenti abituati a servire la macchina e allo stesso tempo superiori ad essa, sono gli uomini che meglio risaltano nelle trincee e nelle buche delle bombe". Così Ernst Jünger, in "Boschetto 125", fissa per sempre il cliché romantico del soldato appartenente alle Sturmtruppen, dopo esserne stato lui stesso un comandante. Rifugge, invece, dalle lusinghe del mito l'autore di questo asciutto libro che analizza, attraverso una serie di battaglie che vanno da Ypres a Verdun, da Riga a Caporetto, le trasformazioni tattiche che condussero la fanteria tedesca a innovare il modo di combattere nel corso della Prima guerra mondiale, prefigurando il modello operativo del Blitzkrieg, alla base delle prime travolgenti vittorie dell'esercito tedesco nella Seconda guerra mondiale. L'edizione italiana di questo nitido saggio appare per la prima volta in Italia a cura del Generale Fabio Mini che, concedendo ancor meno alla retorica, dopo essersi soffermato sull'esperienza coeva degli Arditi in Italia, allarga lo sguardo all'evoluzione dei reparti d'élite fino alla guerra dell'informazione, in una riflessione che lo conduce, come sempre, a illuminare la terribile moralità della guerra. Di ieri, di oggi, di sempre.
20,00

Filosofia di Gassendi in compendio (La). Vol. 1

di François Bernier

Libro: Copertina morbida

editore: RUBBETTINO

anno edizione: 2019

pagine: 125

Pierre Gassendi (1592-1655) fu considerato dai propri contemporanei uno degli autori più importanti fra coloro che, preso atto della crisi della scolastica aristotelica, si adoperarono per spianare nuove strade alla scienza e alla filosofia. La sua influenza sullo sviluppo del pensiero moderno fu profonda e duratura, sebbene il carattere complesso ed erudito dei suoi scritti gli avesse impedito di raggiungere una popolarità pari a quella di Descartes, autore del modello epistemologico con cui si trovava in più diretta concorrenza. Per questa ragione il suo allievo François Bernier (1620-1688) pubblicò una riduzione francese del Syntagma philosophicum di Gassendi, grazie al quale contribuì in modo significativo alla diffusione del pensiero del maestro negli ultimi due decenni del Seicento. Il primo volume del compendio di Bernier - di cui si offre qui la prima traduzione italiana - contiene l'idea generale della filosofia e la logica, vale a dire i capisaldi dell'empirismo gassendiano.
12,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.