Il tuo browser non supporta JavaScript!

Servizi sociali, assistenza sociale e criminologia

La sicurezza spiegata ai bambini. Le indagini dell'ispettore Felicino amico dei bambini

di Pasquale Sgrò

Libro: Copertina morbida

editore: TECNICHE NUOVE

anno edizione: 2019

pagine: 56

Essere e sentirsi in sicurezza vuol dire vivere in armonia con l'ambiente che ci circonda. Creare le condizioni di vivere, studiare, giocare, lavorare in sicurezza è un percorso culturale che si deve costruire fin da bambini. Pensato e scritto per insegnare ai bambini come riconoscere e prevenire gli incidenti nel vivere quotidiano (casa, scuola, divertimenti, lavoro, ecc.), coinvolge i più piccoli nei sopralluoghi che l'ispettore Felicino conduce. In ogni indagine si individuano i pericoli del contesto visitato e si trovano le soluzioni per evitarli. Per divulgare il messaggio in forma semplice e accessibile a tutti e renderlo più efficace, i racconti sono illustrati e ambientati in contesti di vita quotidiana e quindi facilmente rapportabili alla realtà vera. Una materia complessa da "adulto" spiegata in maniera semplice e divertente agli adulti di domani. Età di lettura: da 8 anni.
12,90

In questo mondo storto. Storie di incontri e di accoglienza

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2019

pagine: 158

Ci sono bambini che sperimentano mondi oscuri. Ci sono famiglie che abitano questi mondi senza poter vedere né luce né colori. Ci sono luoghi che accolgono e offrono relazioni che permettono loro di guardare con un po' di fiducia a nuovi e diversi mondi. Le storie raccolte in questo volume danno voce a coloro che hanno attraversato questi territori, e raccontano gli incontri che, a piccoli passi, li hanno accompagnati altrove. Questo libro nasce da un'idea del Comitato Scientifico di SOS Villaggi dei Bambini, composto da Silvia Bergonzoli (coordinatore), Giovanni Bernardo, Francesco Cavalli-Sforza, Paola Dallanegra, Maria Grazia Di Nella, Luisa Girelli, Nicola Titta. Il progetto editoriale è stato sviluppato e coordinato in collaborazione con l'Area Comunicazione di SOS Villaggi dei Bambini. Le tavole illustrate all'interno del volume sono di Giulia Zaffaroni.
18,00

Il digiuno della legge. Confessioni di un poliziotto sui generis

di Gianni Tonelli

Libro

editore: Paesi Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 208

Questo saggio di Gianni Tonelli, ex segretario generale del Sindacato Autonomo di Polizia e oggi deputato della Lega, è un libro-denuncia nel quale l'autore racconta la sua lotta sindacale e il suo digiuno della fame per chiedere più dignità e risorse per gli agenti delle forze dell'ordine. Prefazione di Matteo Salvini
20,00

L'omicidio di Pompeo Panaro. Omertà, omissioni e connivenze

di Ennio Stamile

Libro

editore: RUBBETTINO

anno edizione: 2019

pagine: 128

«In Italia spesso preferiamo andare avanti così, senza sapere di chi è la colpa. Questo racconto, solo in parte romanzato, intende spezzare questa tendenza irresponsabile, non per condannare qualcuno. Sono gli organi preposti a doverlo fare. L'impegno quotidiano a riconoscere e a dare un nome al male, ad individuare le nostre responsabilità, serve a tutti a provocare un serio esame di coscienza e a domandarci se potevamo fare di più per le vittime innocenti, per i loro familiari, per gli imprenditori ed i commercianti che denunciano il pizzo o l'usura, per i testimoni di giustizia, per le nostre comunità. Nella triste vicenda di Pompeo Panaro, imprenditore lungimirante, onesto lavoratore, buon padre di famiglia e uomo appassionato di quella politica alta, il cui unico obbiettivo è servire la comunità, sono in molti ad essere responsabili. A parte chi ha sparato ed occultato il cadavere, sono ugualmente responsabili dal punto di vista morale, i tanti inquirenti che con superficialità, distrazioni ed omissioni si sono susseguiti nel corso delle varie fasi processuali e non. Responsabili anche coloro, e sono in tanti, che sapevano sin dall'inizio ciò che era successo e non hanno parlato, come il pastore Luigi Chianello ad esempio, che addirittura ha rinvenuto il cadavere. Ma sono ugualmente responsabili quei cosiddetti "onesti" cittadini paolani che sapevano ed hanno preferito nascondersi dietro il vile gesto della telefonata o della lettera anonima. Sì, ne sono più che convinto, la malapianta della 'ndrangheta la si può sradicare dando ascolto al dolore dei familiari delle vittime innocenti. Solo questo ascolto attento e non superficiale, sporadico o momentaneo provoca quel sano sussulto di coscienza che ci spinge ad osare di più».
12,00

Storia e storie di camorra. I segreti e gli intrighi di potere dello scioccante mondo parallelo della criminalità organizzata

di Bruno De Stefano

Libro: Copertina morbida

editore: Newton Compton

anno edizione: 2019

Episodi di sangue, violenza e intrighi da cui emerge il potere devastante della camorra. Protagonisti delle storie non sono soltanto i boss e i loro sicari alle prese con omicidi, stragi ed esecuzioni brutali, ma anche personaggi della società civile che hanno pagato un prezzo altissimo nel tentativo di opporsi alla logica della violenza e dell'illegalità: in questo libro si parla di gente perbene, vittime innocenti, poliziotti corrotti, killer pentiti, preti dalla doppia vita, politici collusi, eroi mancati, martiri ammazzati nell'indifferenza generale. Alcuni episodi sono noti, altri invece sono finiti nel dimenticatoio o vengono volutamente ignorati; talvolta sono vicende che i media hanno colpevolmente trascurato o sottovalutato. In altri casi ancora si tratta di delitti rimasti impuniti. Ma ciascuna di queste storie denuncia la presenza sul territorio di un potere parallelo, strisciante e tentacolare, capace di infestare progressivamente tutti gli ambiti della società: un fenomeno allarmante che investe l'Italia intera, e non solo quella parte dello stivale che va dalla Campania in giù.
9,90

L'attentato. Critica della ragione paranoica

di Manfred Schneider

Libro: Copertina morbida

editore: Neri Pozza

anno edizione: 2019

pagine: 640

«L'attentato è il demone delle utopie liberali»: così suona un'affermazione di questo libro che avanza una suggestiva interpretazione della «ragione paranoica» che guida gesti e pensieri degli attentatori nell'epoca delle democrazie liberali. L'entrata in scena della figura dell'attentatore ha di certo una storia millenaria. Quello che può essere considerato l'archetipo di ogni attentato politico, l'assassinio di Gaio Giulio Cesare, risale al 44 a.C. È tuttavia noto che il numero degli attentati nel mondo occidentale è cresciuto da quando gli Stati d'Europa e d'America si sono sottoposti alle leggi, alle limitazioni e agli obblighi di trasparenza della democrazia e della divisione dei poteri. Più Stato e governo si mostrano, nella modernità, trasparenti, più il sospetto che tutto ciò che accade non sia altro che teatro, gioco di maschere, sapiente inganno, segue il potere come un'ombra. Interrogando questo apparente paradosso, Schneider propone in queste pagine la sua affascinante tesi: nell'epoca della modernità, la «ragione paranoica» dell'attentatore svela la patologia stessa della politica. Abbandonata alla contingenza e alla casualità delle sue disposizioni, la politica esibisce, come contraltare, quella che Kant definiva una «forza immaginativa che lavora sul falso». Nella figura dell'attentatore questa forza immaginativa, o «ragione paranoica», risponde alla crescente complessità del mondo politico moderno con monotone spiegazioni riferite sempre a una sola causa: accusa gli ebrei, il capitale, il padrone, la stampa, i maschi, i massoni, il sesso, i comunisti, l'Occidente, i geni, il cervello, il male. In quella dello Stato liberale, che vorrebbe essere il regno del razionale, del regolativo, del calcolabile, del normativo e si ritrova, invece, ad avere costantemente a che fare col casuale, il contingente, l'imprevedibile, la «ragione paranoica» alimenta legioni di pianificatori, aruspici e servizi segreti che osservano i multiformi nemici del potere o, se mancano, li inventano: partiti rivoluzionari, gruppi radicali, terroristi con motivazioni politiche o religiose, Stati nemici. Una gigantesca attività, che costituisce il sistema corrispondente, la controparte, del terribile sospetto che leva il sonno all'attentatore. Dai tanti imperatori romani periti di morte violenta, all'assassinio di John F. Kennedy fino all'attacco alle Twin Towers, Schneider elabora la sua «critica della ragione paranoica» dell'attentatore attraverso una suggestiva ricostruzione che coniuga abilmente indagine filosofico-politica, storia delle idee e psichiatria.
30,00

Stidda. L'altra mafia raccontata dal capoclan Claudio Carbonaro

di Giuseppe Bascietto

Libro: Copertina morbida

editore: COMPAGNIA EDITORIALE ALIBERTI

anno edizione: 2019

pagine: 281

C'è una paranza dei bambini, come quella raccontata da Saviano a Napoli, anche in Sicilia. Erano ancora minorenni, ma già ammazzavano a colpi di pistola. Addestrati per uccidere senza pietà vecchi capimafia di Cosa nostra, furono autori di una vera mattanza, che insanguinò per molti anni le strade della Sicilia. È la storia della Stidda: un romanzo criminale che sconfina nell'horror, fatto di riti, di giuramenti, di santini bruciati tra le mani e di vite di adolescenti spezzate. Volevano essere la nuova mafia, la Stella maligna - Stidda, appunto, in siciliano - che sfidava Cosa nostra, e che riuscì, per molti anni, a metterla in crisi. Fino a compiere ciò che lo Stato non era riuscito a fare: sconfiggerla. Un cronista di mafia, anzi di mafie, di lunga esperienza come Giuseppe Bascietto, è riuscito a penetrare nel cuore nero di questa famigerata organizzazione, quasi sconosciuta al di là del nome. Ha raccolto il memoriale di uno dei suoi capi storici, Claudio Carbonaro, poi pentitosi e ultimamente tornato alla ribalta delle cronache. Una storia che purtroppo non è finita. Quei bambini con la pistola oggi sono diventati adulti, si sono mimetizzati nel mondo del commercio e, oltre a tenere sotto scacco i loro territori storici, hanno allungato le mani anche al Nord. L'ennesima trasformazione in mafia "bianca" di chi cerca nuove strade per riaffermare il suo potere criminale sulla vita del Paese.
18,50

La città del Sindacato. Chicago, la capitale mondiale del delitto

di Alson Jesse Smith

Libro: Copertina morbida

editore: Pgreco

anno edizione: 2019

pagine: 288

Violenza e abuso. Questa è Chicago, la città del cartello della criminalità più altamente organizzato e pervasivo del mondo. "La città del Sindacato" è un libro-inchiesta di Alson J. Smith che ne racconta le cronache criminali dalla prima guerra mondiale in poi. Dal massacro del giorno di San Valentino nel 1929 alla guerra di secessione siciliana, da Mike McDonald a John Torrio e Al Capone, in esso troviamo gangster, procuratori e poliziotti corrotti, ma anche delitti sanguinosi e violenti, descritti e analizzati con spietato rigore, che rivelano un'intricata rete di complicità tra le alte sfere e la malavita.
20,00

Le mafie sulle macerie del muro di Berlino. Gli affari di 'ndrangheta, Cosa nostra e camorra in Germania

di Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

Libro: Copertina morbida

editore: DIARKOS

anno edizione: 2019

pagine: 201

Dopo la caduta del muro di Berlino le mafie italiane sono diventate a tutti gli effetti delle multinazionali perfettamente integrate nell'economia globalizzata e nei flussi internazionali delle merci, del denaro, degli scambi. Il caso tedesco è emblematico di come soggetti legati ad esse, che hanno le loro radici in paesini dell'entroterra calabrese, siciliano e campano, gestiscano diversi punti percentuali di Pil della prima potenza industriale europea. Le infiltrazioni mafiose in Germania mostrano in modo evidente quanto sia labile il confine economico tra capitalismo "sano" e capitalismo "criminale", e quanto siano facilmente influenzabili le democrazie e penetrabili i sistemi sociali, istituzionali e politici ritenuti un modello come quelli del Nord Europa. L'inchiesta alla base del libro nasce dal supporto del Journalismfund che gestisce progetti di giornalismo investigativo cross borders.
16,00

Sotto padrone. Uomini, donne e caporali nell'agromafia italiana

di Marco Omizzolo

Libro

editore: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

anno edizione: 2019

Un viaggio nel cuore delle agromafie, tra caporali, padroni, trafficanti, mafiosi che lucrano sul lavoro di donne e uomini, spesso stranieri, sfruttati nelle serre italiane. Alcuni braccianti indiani, nell'Agro Pontino, vengono indotti ad assumere sostanze dopanti per lavorare come schiavi. Altri muoiono - letteralmente - di fatica, mentre molte donne, ogni giorno, subiscono ricatti e violenze sessuali. Un capitalismo divenuto perverso e predatorio al punto da spingere alcuni lavoratori a suicidarsi, mentre padroni, padrini e caporali si spartiscono un bottino di circa 25 miliardi di euro l'anno. Un viaggio, quello di Omizzolo, condotto da infiltrato tra i braccianti indiani nell'Agro Pontino e proseguito fino alla regione indiana del Punjab, sulle tracce di un trafficante di esseri umani. Un viaggio per comprendere nel profondo questo fenomeno, con strumenti di ricerca che partono dall'osservazione per arrivare alla mobilitazione. Come quella avvenuta nel Pontino nell'aprile del 2016 quando oltre quattromila braccianti indiani si sono ribellati protestando per i loro diritti in piazza della Libertà. Molti hanno denunciato padroni, caporali e mafiosi e si sono costituiti parte civile nei relativi processi. Come arrivare a questi risultati? Non ci si improvvisa "rivoluzionari". Bisogna comprendere, monitorare, indagare e soprattutto costruire relazioni orizzontali con gli schiavi dell'Italia del Ventunesimo secolo. E poi avere il coraggio di agire al fianco di uomini e donne che lottano per la loro e la nostra libertà.
19,00

La repubblica degli impuniti. Così la prescrizione e le leggi vergogna salvano i potenti

Libro: Copertina morbida

editore: PaperFIRST

anno edizione: 2019

pagine: 208

L'elenco di chi negli ultimi venticinque anni l'ha fatta franca grazie alla prescrizione e le altre leggi ideate per salvare i colletti bianchi è impressionante. Ci sono tanti politici, religiosi, funzionari dello Stato e industriali. Rappresentano il meglio (ma per alcuni il peggio) delle élite del Paese. A volte controllano giornali, televisioni, siti internet. A volte li foraggiano con le loro campagne pubblicitarie. Sempre, o quasi, frequentano o hanno rapporti di amicizia con opinion leader e con chi fa le leggi. In questo libro troverete molte loro storie e capirete perché in Parlamento e nelle classi dirigenti solo una minoranza vuole una giustizia che davvero funzioni.
14,00

Una scelta dell'altro mondo. Tecnici Volontari Cristiani. Storia di volontariato internazionale

di Omar Viganò

Libro: Copertina rigida

editore: IL SIRENTE

anno edizione: 2019

pagine: 158

Partire per luoghi lontani e ignoti dopo una lunga preparazione. Lasciare per alcuni anni famiglie e lavori. Mettere a disposizione le proprie competenze tecniche a favore di uomini di altre terre; ma anche scambiare conoscenze e culture, a volte vivendo tra i nativi. È ciò che hanno fatto a partire dagli anni '60 i Tecnici Volontari Cristiani (TVC), giovani che animati da ideali religiosi e umanitari si sono dedicati con gratuità ai progetti di sviluppo dei popoli d'Africa e del Sud America, dall'agricoltura all'insegnamento, dall'artigianato all'animazione sanitaria. Una scelta dell'altro mondo, fuori dalle convenzioni sociali del tempo, ma che ha aperto in Italia la strada al volontariato internazionale del quale la storia dei TVC racconta la crescita, i mutamenti e le crisi fino alla chiusura dell'Associazione avvenuta nel 1986.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.