Il tuo browser non supporta JavaScript!

MONDADORI: Oscar moderni

Dodici racconti raminghi

di Gabriel García Márquez

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 176

Il sogno, il destino, il desiderio, l'amore e la morte... i temi eterni e universali della letteratura reinterpretati dalla prosa potente e visionaria di García Márquez. Dodici racconti sul filo misterioso della memoria nei quali l'autore colombiano rivive e reinventa le tappe avventurose del suo girovagare in Europa e nel mondo, i suoi soggiorni a Roma, Barcellona, Parigi, L'Avana, Napoli, Vienna, Ginevra e altre ancora. In ognuno di questi racconti l'autore di «Cent'anni di solitudine» riannoda i suoi ricordi personali con le vicende di personaggi reali o verosimili, ricostruendo le atmosfere e gli ambienti più caratteristici di ciascuno dei luoghi visitati. Una raccolta insolita, una serie di storie bizzarre e affascinanti nelle quali la cultura del vecchio mondo si mescola all'inarrestabile vivacità tropicale della fantasia del Caribe.
12,00

Diario di un sognatore-La composizione del sogno

di Luigi Malerba

Libro: Copertina morbida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 231

Qual è il rapporto dell'uomo con i propri sogni? Di quali messaggi sono portatori i sogni? Da sempre l'uomo ha tentato di attribuire significati alle immagini che gli appaiono durante il sonno. Per Malerba il sogno era «il luogo di tutte le ambiguità, l'anagrafe di tutti i fantasmi che popolano la nostra mente». Attratto da questa «zona affascinante ma oscura della mente umana», per tutto un anno, il 1979, lo scrittore, novello Zeno, tenne un diario con le puntuali trascrizioni dei sogni notte dopo notte. A quella insolita cronaca onirica questo volume affianca il breve saggio "La composizione del sogno": due testi curiosi, evanescenti, bizzarri, difficilmente classificabili. Proprio come i sogni.
14,00

Paura alla Scala

di Dino Buzzati

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 272

"Paura alla Scala" fu pubblicato nel 1949, dopo il successo de "Il deserto dei Tartari" e "I sette messaggeri". Nelle venticinque storie che compongono la raccolta si dispongono, con esiti letterari altissimi, i grandi temi della narrativa dello scrittore bellunese: il senso di solitudine di fronte alla vastità e all'inaccessibilità del cosmo; l'attesa di qualcosa che rompa l'incanto della mediocrità cui ci sentiamo fissati; l'impressione che esista un destino più forte degli uomini, che pure tanto si affannano per poi scoprire quanto sono modesti rispetto alle loro presunzioni. Ma il quadro non è tutto desolazione: non mancano, infatti, anche la spinta all'elevazione, all'amore, alla speranza, al compimento.
13,00

La talpa

di John Le Carré

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 456

Più che un sospetto è una certezza: ai vertici dei Servizi segreti inglesi c'è un traditore. Smascherarlo è l'unico modo per garantire la sicurezza dell'Occidente, e bisogna farlo in fretta. C'è un solo uomo capace di snidare la talpa: George Smiley. La sua è una missione tanto segreta quanto dolorosa: scovare il nemico proprio tra coloro con i quali ha condiviso una vita di lavoro e di pericoli.
14,50

La Divina Mimesis

di Pier Paolo Pasolini

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 144

L'idea di una "riscrittura" della Commedia dantesca venne in mente a Pasolini fin dal 1963, e lo accompagnò per il resto della vita. Solo nel 1975, infatti, egli si decise a dare alle stampe le pagine già scritte, che videro la luce postume. Con l'intenzione di creare qualcosa di "ribollente e magmatico", Pasolini si addentra in un inferno neocapitalistico e, dando voce a polemiche culturali e sociali, in un continuo intreccio di realtà e invenzione, offre un catalogo dei peccatori della sua epoca: i conformisti, i volgari, i cinici, i deboli, gli ambigui, i paurosi, i piccoli benpensanti, i servili... Nonostante ci restino solo i primi due canti, più alcuni frammenti del III, IV e VII, La Divina Mimesis rimane un'opera forte, necessaria, l'eredità dell'ultimo poeta civile italiano. Pier Paolo Pasolini (Bologna 1922 - Roma 1975), scrittore e regista, ha vissuto all'insegna di una continua sperimentazione esistenziale, ideologica e linguistica. Ha scritto poesie, romanzi, testi teatrali, saggi e sceneggiature cinematografiche. E morto assassinato all'Idroscalo di Ostia, vicino a Roma, la notte tra il 1 e il 2 novembre 1975.
12,00

Un passato da spia

di John Le Carré

Libro: Copertina morbida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 300

Da tempo in pensione, Peter Guillam, ex collega e discepolo di George Smiley, viene convocato al quartier generale dei Servizi Segreti britannici. Il suo passato lo sta richiamando: le più famose operazioni di spionaggio - che avevano visto coinvolti George Smiley, Alec Leamas, Jim Prideaux, e lo stesso Guillam - sono oggetto di investigazione da parte dei nuovi funzionari dell'Intelligence, che non hanno alcuna memoria di quegli anni. Chi è davvero responsabile di atti commessi durante la Guerra Fredda in nome di qualcosa che non esiste più?
12,00

Il panettone non bastò. Scritti, racconti e fiabe natalizie

di Dino Buzzati

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 240

Trentatré racconti che, a partire dagli anni Trenta alla morte, Buzzati dedicò al Natale: c'è il ricordo del suo primo Natale adolescenziale senza il padre, una riflessione sulla tecnica dei regali, una fiaba illustrata dallo stesso scrittore bellunese. E ancora, il racconto scritto a bordo dell'incrociatore su cui Buzzati prestava servizio come inviato di guerra, una poesia su Gesù Bambino. Ne risulta un lungo viaggio nel mondo di un grande scrittore attraverso la lente di un argomento che lo ha sempre stimolato, offrendogli lo spunto per considerazioni più ampie. Una raccolta di pagine toccanti che disegnano il ritratto di un uomo e della sua vita, svelata attraverso abitudini, contraddizioni e meraviglie del Natale.
13,00

Alla ricerca del tempo perduto. Vol. 3: La parte di Guermantes

di Marcel Proust

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 672

Ne "La parte di Guermantes", edito tra il 1920 e il 1921, il Narratore fa il proprio ingresso nel "bel mondo" che, con i suoi riti e i suoi miti, le soirée, i pranzi, i palchi all'Opéra, occupa tanta parte del libro. È la storia di un disinganno, quello della snobistica attrazione per l'aristocrazia; un lungo, rarefatto racconto capace di esaltare la "poesia perduta" della nobiltà e svelarne insieme la sterile frivolezza. Ma anche di approdare, soprattutto grazie al personaggio del barone di Charlus che introduce in maniera vibrante il tema erotico, a una dimensione che trascende la mondanità per giungere a profonde rivelazioni esistenziali.
12,00

L'uovo al cianuro e altre storie

di Piero Chiara

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 272

L'inesauribile teatro della vita di provincia fra storie drammatiche e boccaccesche, tra misteri e passioni. L'autore è sempre di scena, protagonista palese o mascherato di queste ventitré storie che comprendono alcuni fra i suoi racconti migliori.
15,00

La bella estate

di Cesare Pavese

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 416

Pubblicati insieme nel 1949 sotto il titolo "La bella estate", i tre brevi romanzi 'La bella estate', 'Il diavolo sulle colline' e 'Tra donne sole', sono «romanzi di scoperta della città e della società», come li definì lo stesso Pavese, racconti di giovanili passioni amorose, di entusiasmi e di sconfitte, pervasi da una tensione a tratti furiosa, destinata a bruciarsi e spegnersi nel breve giro di un'intensa stagione. I giovani protagonisti, ingenui e vulnerabili, o più cinici e sfrontati, subiscono il fascino irresistibile della trasgressione, la tentazione di toccare il limite, di non sprecare nemmeno un attimo del giorno e della notte. Ma l'esperienza vana e l'inconsistenza dei rapporti li lascia alla fine svuotati e disincantati.
14,00

Meglio star zitti? Scritti militanti su letteratura cinema teatro

di Giovanni Raboni

Libro: Copertina morbida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 480

Meglio star zitti? raccoglie centosettanta stroncature firmate da Giovanni Raboni in quarant'anni di attività critica: interventi talvolta garbati, più spesso sarcastici e addirittura spietati, tesi a mettere in discussione il valore e il significato di prodotti artistici (romanzi, poesie, film, spettacoli teatrali) e di fenomeni di costume. Ne fanno le spese nomi blasonati: Woody Allen, Italo Calvino, Umberto Eco, Federico Fellini, Dario Fo, Giorgio Gaber, Ernest Hemingway, Milan Kundera, Pier Paolo Pasolini e tanti altri. Inflessibile nella difesa della qualità, Raboni condanna la deriva consumista della produzione culturale italiana del dopoguerra, rivendicando la responsabilità primaria del critico militante: essere per il pubblico una guida attendibile e onesta, chiamata a distinguere il "vero" dal "falso". Compito che va sempre più assumendo i toni di una solitaria e disperata sfida etica.
15,00

Ti con zero

di Italo Calvino

Libro

editore: MONDADORI

anno edizione: 2019

pagine: 192

Dalla caduta della luna sulla terra ai vertiginosi paradossi logici dell'abate Faria che scava labirintiche gallerie per evadere. Una serie di racconti sulla scienza e sulle dimensioni spazio-temporali nei quali "ogni secondo, ogni frazione di tempo, diventa un universo".
10,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.