Il tuo browser non supporta JavaScript!

Quattroventi: Crossroads

«Extremes of otherness»: Rosmarie Waldrop e l'incontro con il nuovo mondo

di Floriana Puglisi

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2016

pagine: 187

È possibile liberare la mente, il linguaggio e la poesia dal dominio incontrastato della visione? È questo il programma di Rosmarie Waldrop: ma a quale scopo, attraverso quali forme e con quali esiti? Nata in Germania alla vigilia della II Guerra Mondiale e trasferitasi negli Stati Uniti nel 1958, l'autrice impiega la lingua inglese come strumento privilegiato di scoperta e conoscenza, inseguendo l'ideale di una scrittura esplorativa che, per esser tale, deve sondare percorsi anti-figurativi e anti-rappresentativi. Allineata alle poetiche d'avanguardia, europee e americane, la sua sperimentazione mostra un orientamento anti-visualista che trova eco nel pensiero filosofico contemporaneo (Wittgenstein, Heidegger, Deleuze, Merleau-Ponty, Foucault, Derrida), da un lato, e nello sviluppo della nuova scienza (la fisica quantistica), dall'altro. Ripudiando non già l'esperienza visiva ma la costruzione discorsiva della visione all'interno di un paradigma culturale essenzialmente oculocentrico; non l'immagine in sé ma le figure poste dalla rappresentazione e dalla visualizzazione, i suoi eccentrici collages mirano a suscitare nuovi modi di vedere, concepire e interagire dentro e fuori dalla pagina. Questo volume ne indaga le procedure e gli effetti in un campione eccezionale di testi ispirati all'incontro originario con il Nuovo Mondo: l'incontro europeo con la differenza assoluta che si oppone alla logica della rappresentazione e libera forze in grado di sollecitare il pensiero.
18,00

Almanacco per signore

di Djuna Barnes

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2014

pagine: 128

Pubblicato in edizione privata a Parigi nel 1928 e fatto circolare clandestinamente per sfuggire ai censori che avevano mandato a processo tanto l'Ulisse di Joyce quanto "Il pozzo della solitudine" di Marguerite Radcliffe-Hall, il testo resiste ai tentativi di classificazione. A metà fra pamphlet filosofico e trattato di retorica, la cronaca di una irripetibile stagione della rive gauche narrata attraverso l'artificio del roman à clé offre all'autrice lo spunto per creare un testo di finzione nel quale è celato un poema amoroso. Scandaloso, perché l'amore di cui discettano personaggi dai nomi improbabili quali "Scalpello di Pazienza" e "Bambolina Furiosa" è quasi esclusivamente l'amore saffico di una comunità di artiste-amazzoni. Il volumetto è riccamente illustrato. Parte alla maniera dell'imagerie populaire delle figurine d'Épinal, parte alla maniera di Aubrey Beardsley, le immagini aggiungono all'opera una dimensione visuale che, in accordo con la vena ironica da cui è attraversata la prosa, mescola la levità della vignetta alla ieratica allegoria dell'emblema. Quasi a formare le quinte di una sacra rappresentazione, l'almanacco, alla maniera di un vero libro dei santi, ha per eroina una santa sui generis, le illustrazioni dialogano col testo, insieme al quale intessono la segreta trama "della storia del Paradiso che non è mai stata narrata": l'anatomia della malinconia femminile ipostatizzata nella figura della sirena.
18,00
18,00

Indiani sulla scena. Teatro dei nativi americani

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2008

pagine: 344

I testi raccolti in questo volume sono esempi rappresentativi del teatro indianoamericano, uno dei settori di maggiore interesse della drammaturgia contemporanea in lingua inglese. Oltre che all'appartenenza etnica degli autori, la specificazione "indianoamericano" si riferisce agli argomenti che costituiscono il contenuto delle opere e al pubblico che dovrebbe esserne il destinatario, se non unico, privilegiato. Questa raccolta intende far conoscere al pubblico italiano testi rappresentativi di un repertorio che si presenta ricco e variegato nelle forme e nei contenuti. Nella seconda parte del volume gli autori si esprimono ciascuno sulla funzione del teatro nella cultura indianoamericana, sul loro metodo di lavoro, sul loro rapporto con il pubblico, con il patrimonio teatrale euro-americano e con le forme della tradizione nativa.
24,50

Gola di ferro e altri scritti

di Tillie Olsen

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2008

pagine: 144

I testi di Tillie Olsen qui pubblicati sono una "prima volta" nell'editoria italiana e in un certo senso anche in quella americana: si tratta di testi diversi per genere e datazione, apparsi singolarmente e, in un paio di casi, molto tempo dopo la loro stesura. Sono le poesie giovanili composte alla fine degli anni Venti e il primo racconto datato 1931; le poesie politiche, le prime pagine di Yonnondio: From the Thirties, il romanzo abbandonato negli anni Trenta poi ritrovato e dato alle stampe quarant'anni dopo; due reportage giornalistici del 1934; l'anticipazione di un romanzo cominciato alla fine degli anni Sessanta e mai terminato; un saggio autobiografico del 1984. La successione in cui appaiono riflette la cronologia di stesura di Olsen nella sua evoluzione poetica, narrativa, tematica e formale. Inoltre, collegare le opere al loro contesto storico, politico, sociale consente di cogliere, "in tempo reale", i segni indelebili che certe vicende della storia americana contemporanea lasciavano nella vita personale e creativa della scrittrice.
16,00

Cerimonia

di Leslie M. Silko

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2007

pagine: 268

"Cerimonia" è la storia di un giovane indianoamericano che ritorna alla sua riserva, devastato dalle violenze della guerra nelle Filippine, cercando di riconquistare la sua identità in un labirinto di esperienze distruttive. "Cerimonia" è inoltre la storia di un popolo che deve scegliere tra i falsi miti della società bianca e il duro cammino verso una rigenerazione fisica e spirituale.
22,00

Nancy Cunard. America, modernismo, negritudine

di Renata Morresi

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2007

pagine: 206

Nancy Cunard è stata poeta ed editore, attivista per i diritti civili, corrispondente di guerra, sobillatrice culturale, "a living network" dal potere magnetico e creolizzante. Questo volume esplora le iniziative editoriali, i testi letterari e le performance visuali attraverso cui Cunard promosse una comunità transazionale che ci costringe a ripensare i confini geografici e critici del modernismo e del discorso sull'internazionalismo nero. Renata Morresi è dottore di ricerca in Letterature Comparate e docente di Lingua e Letteratura Inglese presso l'Università di Macerata, dove cura anche il laboratorio di Letterature Euro-Americane Comparate. Si occupa di poesia, critica culturale, femminismo, letteratura inglese e angloamericana. Ha scritto su: Nancy Cunard, Bryher, le riviste letterarie moderniste, lo scrittore giamaicano Claude McKay, il nome nella tradizione letteraria afro-americana, Zora Neale Hurston.
22,00

H.D. La donna che divenne il suo nome

di Marina Camboni

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2007

pagine: 296

Costruzione dell'identità di donna e artista, ricerca mistica, esoterismo sono altrettanti aspetti a cui allude il titolo di questo volume, che sottolinea la centralità della lingua, e in particolare del nome nella produzione modernista di Hilda Doolittle, americana trapiantata a Londra, nota con lo pseudonimo di H.D. Tre parole, come un 'leitmotiv', ricorrono nella sua opera che si dipana nell'arco dei primi sessant'anni del Novecento: dono, vento, fragranza. Tutte e tre conducono alla sua concezione dell'arte come dono e dello scrivere come processo conoscitivo e mitopoietico. Diversamente dal suo amico Ezra Pound, H.D. evita ogni sistematizzazione teorica, preferendo mostrare il potenziale innovativo dell'immaginario, del sogno e della visione.
23,00

Silenzi infranti. La scrittura di Tillie Olsen

di Cinzia Biagiotti

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2006

pagine: 272

14,50

Uomini sulla luna

di Simon J. Ortiz

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2006

pagine: 228

14,50

Il Powwow della fine del mondo

di Sherman Alexie

Libro: Copertina morbida

editore: Quattroventi

anno edizione: 2003

pagine: 192

19,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.